Che tempo fa in Lussemburgo?

Vi ricordate quando prendevamo in giro gli inglesi perché parlano sempre del tempo? Lo stereotipo della conversazione inglese, li abbiamo tutti sfottuti su questo.
E sui cappelli della regina.
Ora, fateci caso, negli ultimi anni anche gli italiani hanno fatto del tempo atmosferico il principale argomento di conversazione: il clima in Italia si è fatto più interessante!
E con lamentele sul clima mi hanno accolto a suo tempo gli italiani del Lussemburgo: piove sempre, è sempre grigio, è umido, non c’è mai luce, uno schifo.
Per fortuna la mia collega svedese aveva una versione diversa dei fatti: inverni temperati, tanta luce, agosto un po’ caldo e umido ma degli autunni spettacolari, una meraviglia …

E allora, che tempo fa in Lussemburgo?
La domanda con cui si aprono tutte le mie conversazioni telefoniche con l’Italia.

Premessa: quando sono arrivata qui, ero appena sopravvissuta a otto mesi ininterrotti di pioggia romana, diluvi su diluvi. E qui ho trovato tre mesi ininterrotti di sole. 
È un bel modo di cominciare, una sorta di imprinting luminoso, che mi ha probabilmente segnato, e che potrebbe forse spiegare una mia certa tolleranza (a sentire i miei connazionali) nei confronti delle locali condizioni atmosferiche.
Ma cercherò di essere onesta.

In Lussemburgo piove. Spesso. Diluvia più di rado.
Settimane di pioggerellina ingannevolmente leggera che non apri l’ombrello e dopo dieci minuti sei zuppo, e pertanto continui a non aprire l’ombrello essendo esso ormai completamente inutile.

In Lussemburgo fa freddo, è veramente raro che in estate si salga sopra i trenta, normale in inverno scendere sotto lo zero. Meno otto, meno dodici, a volte qualcosa di più. Non è la Svezia, ma l’acqua comunque ghiaccia, e anche il naso, le gote, le sopracciglia…

In Lussemburgo c’è il sole, molto meno che a Trapani, mi dicono più spesso che a Seattle (relata refero, mai stata a Seattle), però il sole c’è, e d’estate tramonta verso le dieci di sera, una meraviglia.

Ma soprattutto qui il tempo cambia rapidissimamente: ti svegli, guardi fuori dalla finestra, è sereno, ti vesti, esci, piove. Piove, entri in un negozio, compri il pane, esci aprendo l’ombrello, tutti ti guardano strano: è sereno. Il tempo di allacciarsi una scarpa, esci da una stagione ed entri in un’altra. Sabato apri l’ombrellone in terrazzo perché al sole fa troppo caldo, sandali, maglietta maniche corte, dormi senza coperte, la mattina dopo nove gradi.

Che tempo fa in Lussemburgo?
Dipende: in questo preciso istante, ieri o tra due ore?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...